I piedi sul Friuli

Dalla mia terrazza si scorgono le parti alte delle montagne della Carnia. Non le vedo di notte, ma so che sono lì. Bianche sulle cime, che sembra ti cadano addosso. Sono certezze che ogni tanto mi piace confermare. A volte esco solo per controllare se ci sono ancora, se tutto è in ordine. Il Friuli per me è racchiuso in quell’anfiteatro di cartapesta che ogni tanto sbatte contro i nostri occhi.
Questi racconti sono sette luoghi dell’anima che formano un itinerario reale e immaginario, fatto di cammini e piedi, di montagne attraversate da contrabbandieri, borghi abbandonati, battaglioni fantasma, briganti e sbirri, profeti e partigiani. Storie di rivolte, di piccole o grandi deviazioni dalla linea normale dello stare. Da Erto a Palcoda, da Moggessa a Adegliacco fino al monte Kanin per poi scendere a Kobarid e Smartno. Sono qui, in questi microcosmi che si muovono antichi eroi e protagonisti di oggi, e piedi che vanno da sempre in mezzo ai boschi e a una natura selvatica.

Due edizioni. La seconda edizione allegata nel mese di novembre 2015 al quotidiano Messaggero Veneto.
Lettura integrale del libro in sette puntate sulle frequenze di Radio Rai 1 Fvg

“Luoghi e storie di periferie queste di Mauro Daltin.  O addirittura di periferie di periferie.  Ma quando ci si mettono i piedi sopra, anche i silenzi fanno sentire le loro voci da imparare,  ascoltando e riascoltando.  Alla fine di questo viaggio a piedi scalzi tra le pagine del libro, “tra lune, borghi e storie dimenticate”  si esce più leggeri e sereni, e con negli occhi  nelle orecchie nel naso e nel cuore, la speranza seria  e fiduciosa nel domani che viene. Mauro Daltin  non gioca parole e non suona campane di improbabili identità in queste sue straordinarie pagine. “

dalla prefazione di Aldo Colonnello

Sentieri Natura 2014

I piedi sul Friuli

Prefazione di Aldo Colonnello
Edizioni Biblioteca dell’Immagine
Pagine 120
Isbn: 978-88-6391-082-7
Euro: 12,00